Una Temporary Suite in Mezzo ai Vigneti

11-02-2011 -

Da container industriale a suite a 4 stelle: una idea eclettica per una vacanza fuori dagli schemi.

In origine era un container. Ora è una splendida suite a tutti gli effetti, dove non mancano comfort e lusso. Stiamo parlando del Laurin Suite@Paradeis, una sorta di dependance del Park Hotel Laurin di Bolzano ma ubicata a circa mezz´ora di macchina da qui. Immersa in un luogo paradisiaco in mezzo ai vigneti della tenuta Lageder, nel pittoresco paesino di Magré,
è talmente insolita che da quest´anno è entrata a far parte degli "Unusual Hotels of the World".

Aperta solo 8 mesi durante l´anno, questa originale suite è da considerarsi un temporary hotel da gustare a 360 gradi: non è solo la natura a rendere speciale questo luogo. Anche la filosofia con cui è stata concepita regala alla Laurin Suite@Paradeis un´atmosfera unica, fiabesca e incantata.

Ideale per coppie in cerca di privacy e di momenti speciali, la suite di 60 metri quadrati è un buen retiro di charme che invita al riposo, alla meditazione e alla contemplazione. All´ombra degli alberi e avvolti dal profumo dei fiori, ci si può immergere nell´arte, scoprendo che la stessa suite è un´opera d´arte, frutto di un lavoro a più mani di artisti e designer.
L´edificio in sé è formato da due container, solitamente utilizzati per i cantieri. L´idea di trasformare tali container in una residenza di lusso è la sfida che l´artista altoatesina Claudia Barcheri ha accettato. Portando così avanti un progetto inusuale e senza precedenti nella costruzione della facciata esterna, la Laurin Suite@Paradeis incarna la simbiosi tra arte e natura. All´interno gli arredi creano una perfetta combinazione tra eleganza di fine secolo e comfort più moderno.

Informazioni utili:

Apertura dal 10 aprile 2011 fino ai primi di novembre.
Costi: 306 Euro a notte per 2 persone, prima colazione compresa.
Prenotazioni: Parkhotel Laurin, Tel. 0471 311 000, info@laurin.it
Link: http://www.laurin.it/it/hotel/laurin-life/laurin-suite-paradeis/

Mirella Vanalli