04 Luglio 2020
Top News

Viaggio nelle Marche, tra dolci paesaggi, monumenti suberbi e tradizioni secolari

01-02-2011 - Viaggiare con Gusto
Tredici vallate che scendono all´Adriatico parallele come denti di un pettine: verdi in alto dove si stagliano antichi borghi e verdi anche i basso. Una babele di dialetti, che sono settentrionali e quasi romagnoli al nord, centrali e di sapore umbro in mezzo, meridionali e anticipatori dell´Abruzzo al sud. Un entroterra tutto da esplorare e che riserva una sorpresa dopo l´altra. Montagne, collina il 69% del territorio) e mare a pochi chilometri di distanza, la tranquillità e la calma della provincia...

Quattro le città universitarie (Ancona, Camerino, Macerata, Urbino) tutte di antiche tradizioni.
Dopo il capoluogo Ancona, Pesaro è la seconda città per popolazione delle Marche. Affacciata sul mare Adriatico, è famosa per i suoi sette chilometri di spiaggia sabbiosa. Spiaggia che si trova ai piedi del verde colle Ardizio e il parco naturale di San Bartolo. Un mare dai fondali bassi che per la qualità delle acque ha più volte meritato la bandiera blu. Il caratteristico porto la collega all´altra sponda del mare Adriatico.

Pesaro, si trova lungo la cosiddetta "riviera delle colline", nel Nord delle Marche, in una piana stretta in mezzo a due colli a strapiombo sul mare, capoluogo con Urbino della provincia Pesaro Urbino. Città vivacissima non solo dal punto di vista economico (con le sue industrie è uno dei "motori" della regione; nel Pesarese si producono mobili e si lavora il legno), ma anche culturale. Pesaro vanta monumenti come la Rocca Costanza, opera militare di Luciano Laurana e il gentilizio Palazzo Ducale, storica sede della Prefettura, costruito a più riprese (tra il 1285 e il 1625) dai Malatesti, dagli Sforza e dai Della Rovere, i signori che governarono la città.

Da piazza del Popolo dove si trova Palazzo Ducale parte via Rossini, animata strada di passaggio, dedicata al grande compositore che a Pesaro nacque nel 1792. La strada sfiora tra l´altro la sua casa natale e la Cattedrale. La facciata di questa chiesa medioevale del XIII secolo, è perfettamente integra e costituisce per Pesaro l´unico esempio di architettura romanica. All´interno si possono ammirare i mosaici (due pavimenti musivi di seicento mq circa ciascuno).
Proseguendo lungo viale della Repubblica si arriva al mare.
Pesaro è famosa per le sue spiagge simbolicamente suddivise dalla "Sfera Grande". Posta al centro di una vasca questa enorme "scultura-totem" in bronzo di Arnaldo Pomodoro svetta imponente di fronte al mare: a nord e a sud, si distende una lunghissima striscia di sabbia.
Tra un albergo e l´altro s´incontrano anche originali edifici quali il "Villino Ruggeri", una miniatura liberty d´inizio secolo.

Pesaro possiede tradizioni culturali davvero antiche.
Lo testimonia il suo patrimonio storico-artistico a partire dalle realtà museali.
I Musei Civici, istituiti nel 1920 e accolti dal 1936 a Palazzo Toschi Mosca, nel cuore del centro storico, riuniscono la Pinacoteca e il Museo delle Ceramiche. I dipinti dal XIV al XX provengono da chiese cittadine e collezioni private.
Opera cardine della pinacoteca è la splendida "Pala dell´Incoronazione" realizzata da Giovanni Bellini nel 1475. La prospettiva centrale e il paesaggio con una rocca - ´un quadro dentro il quadro´ dietro i personaggi - collocano l´episodio sacro in una dimensione umana e naturale. Per il Seicento, un altro capolavoro è rappresentato dalla "Caduta dei giganti" di Guido Reni.
Con un lascito di Gioachino Rossini giungono ai Musei Civici pregevoli opere della collezione bolognese Hercolani. In seguito altre acquisizioni minori completano il patrimonio attuale - conservato anche nei ricchi depositi -, costituito da un piccolo nucleo di primitivi e in gran parte da opere rinascimentali, seicentesche e settecentesche tra cui un´interessante raccolta di nature morte.
Di grandissimo interesse anche il Museo delle Ceramiche dove un cospicuo nucleo di ciò che è esposto nelle sale è composto da maioliche dal XVI al XVII secolo della collezione Mazza - provenienti da botteghe dell´antico Ducato di Urbino (Urbino, Casteldurante attuale Urbania, Pesaro, Gubbio) e da Deruta -, mentre appartiene alla donazione Ugolini una significativa sezione del settecento e ottocento. E´ infatti nella seconda metà del Settecento che nasce a Pesaro la prestigiosa manifattura Casali e Callegari che realizza la tipica decorazione "alla rosa".
Info: Palazzo Toschi Mosca - piazza Toschi Mosca, 29 Biglietteria: Tel. 0721/387541 - Infoline 199 151 123. Sito: musei@comune.pesaro.ps.it - www.museicivicipesaro.it

Da non perdere, al primo piano dei Musei Civici, la Mostra "INCANTO E DELIZIA" dedicata alle Nature Morte un genere ben rappresentato all´interno delle ricche collezioni. La Mostra rimarrà aperta fino al 30 Aprile del 2011.
Le opere esposte - dal XVII al XIX secolo - sono quasi tutte sconosciute. Tra le novità assolute, una pergamena di Giovanna Garzoni, miniaturista ascolana molto amata dai Medici di Firenze, e una tela del napoletano Gaetano Cusati, attivo tra Sei e il Settecento.
Il progetto ha potuto contare sul sostegno di due Istituti di credito: la Banca di Pesaro Credito Cooperativo e Banca Marche - e dell´Hotel Excelsior di Pesaro, l´unico albergo a 5 stelle delle Marche inaugurato l´estate scorsa.
Un´iniziativa che piacerà agli appassionati d´arte e buona cucina: il Ristorante 59, all´interno dell´Excelsior, ha messo a punto un menù degustazione tematico ispirato all´evento. Chi si presenterà al ´59 con il biglietto della mostra verrà applicata una tariffa speciale di € 44,00 bevande escluse. E´ obbligatoria la prenotazione.
La mostra è visitabile con lo stesso orario dei musei: martedì, venerdì, sabato 10-13, 15.30-19; mercoledì, giovedì, domenica 10-13.

A Palazzo Almerici si trovano la Biblioteca Oliveriana - con un patrimonio di opere manoscritte e a stampa che la rendono una delle più prestigiose delle Marche - e il suo Museo Archeologico che espone materiale archeologico e numismatico raccolto con vari lasciti. L´annessione più notevole è costituita dai reperti di un corredo funebre di tombe maschili e femminili, provenienti da una vasta necropoli dell´età del ferro rinvenuta presso Novilara.

Gioachino Rossini con la sua musica ha donato a Pesaro una notorietà internazionale. La sede della Fondazione Rossini si trova nel settecentesco Palazzo Olivieri dove, all´interno, c´è Il Tempietto Rossiniano.
La Casa natale di Rossini. Il "Cigno di Pesaro" vi nacque nel 1792. All´interno sono conservati lasciti di diverse donazioni. Una raccolta di stampe, manifesti, incisioni, ritratti ufficiali e spartiti musicali. Tra i cimeli legati alla vita del Maestro, anche un "fortepiano". Il percorso è biografico-creativo. Biglietteria: Tel. 0721/387357 - Infoline: 199 151 123 - Info:casarossini@comune.pesaro.ps.it, www.pesarocultura.it

Il Conservatorio, è istituito con l´eredità lasciata da Rossini al Comune di Pesaro, nel ricordo della mamma - a cui il geniale compositore era molto legato - e dei primi anni di vita passati in questa città. Qui hanno studiato artisti conosciuti a livello mondiale come Renata Tebaldi e Mario del Monaco. In questo glorioso istituto musicale continuano a formarsi nuovi talenti
Info: Tel 0721 33671-34151, www.conservatoriorossini.it

Il Teatro Rossini fu dedicato al grande compositore nel 1855. Rossini vi diresse "La Gazza Ladra" nel 1818. Ospita sia "Il Rossini Opera Festival" che spettacoli teatrali e musicali durante il corso dell´anno.

E sempre a proposito di teatri, non va dimenticato il più moderno Sperimentale che ospita iniziative legate al cinema, teatro, musica e letteratura.

Manifestazioni ed eventi

Accanto ai luoghi e ai monumenti, alcuni eventi istituzionali come:

La Mostra Internazionale del Nuovo Cinema, in programma per Giugno
e Il Rossini Opera Festival in calendario per Agosto.

Il Rossini Opera Festival, è un evento davvero speciale. E´ l´unica manifestazione lirica internazionale interamente dedicata al celebre compositore pesarese. Si tratta di uno dei più importanti festival musicali del panorama europeo e che attira appassionati ed esperti melomani da tutto il mondo. L´evento riserva sempre un occhio attento al recupero e alla messa in scena delle opere meno note del grande Maestro.
Giunto quest´anno alla sue trentaduesima edizione, Pesaro festeggerà il suo più illustre cittadino con una stagione lirica molto prestigiosa.
Info: www.rossinioperafestival.it

La Mostra Internazionale del Nuovo Cinema. Dopo Venezia è uno dei Festival del Cinema più prestigiosi d´Italia. La Mostra, fondata a Pesaro nel 1965 da Lino Miccichè come vetrina del nuovo cinema, oggi è conosciuta e molto apprezzata anche all´estero: un appuntamento estivo irrinunciabile per i cinefili di tutto il mondo. La kermesse scandaglia le cinematografie emergenti e quella europea del "métissage" culturale. Info: www.pesarofilmfest.it

Tutte le terze domeniche del mese, la città si apre allo shopping, alla cultura, agli incontri e al tempo libero. In centro, al mare e a Baia Flaminia, sono aperti negozi, bar, ristoranti, luoghi della cultura con ingresso gratuito o a prezzi promozionali. In piazza c´è il mercato cittadino, in via Rossini e nei cortili dei Palazzi quello dell´antiquariato.

La Pesaro "sportiva"

A pochi chilometri da Pesaro è nato Valentino Rossi, otto volte campione del mondo della Motogp.
Un pesarese doc è Massimo Ambrosini, calciatore, centrocampista e capitano del Milan.
Nato a Pesaro anche Filippo Magnini, il campione del mondo nel nuoto nei 100 stile libero.
E poi?
Questa è la città della Scavolini Pesaro, la famosa squadra di Basket.

Fuori città, sul colle di San Bartolo, da vedere la Villa Imperiale. Costruita nella seconda metà del ´400, residenza estiva degli Sforza e poi dei Della Rovere, conserva all´interno una decorazione pittorica di grande valore. E poi la settecentesca Villa Caprile a un paio di chilometri da Pesaro, nota per il suo giardino all´italiana punteggiato di statue, fontane e giochi d´acqua (ancora funzionanti). Immerse in scenografie di fiori, giochi d´acqua e teatri "scolpiti" nel verde, le ville testimoniano l´abitudine tutta rinascimentale di ritirarsi in campagna per "nobile diletto".
Pesaro è anche il preludio per conoscere un entroterra con dolci colline e ricco d´attrattive e di città d´arte come la splendida Urbino, Fano e il Castello di Gradara.

Info generali su Pesaro e dintorni sul sito: www.turismopesaro.it


Servizio a cura di
Stefania Bortolotti

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account