22 Settembre 2020
Top News

Sassicaia: Capolavoro della Tenuta San Guido

11-11-2011 - Per Bacco!
Quando pronunci San Guido subito prendono forma nella mente due straordinari capolavori dell´Italia nel mondo: la celebre ode di Giosuè Carducci "Davanti San Guido" e il Sassicaia, largamente considerato tra i più rinomati vini italiani e realizzato appunto dalla Tenuta San Guido a Bolgheri (www.sassicaia.com).

Sassicaia e San Guido sono indiscutibilmente legati al meraviglioso territorio di Bolgheri, la cui bellezza paesaggistica è nota non solo grazie al magnifico filare di cipressi ma anche dal tipico panorama dal gusto dolce e selvatico, caratterizzato da un incredibile microclima. In questo strepitoso contesto il Marchese Mario Incisa della Rocchetta, che già negli Anni Venti sognava di creare un vino di razza ispirato ai grandi rossi di Bordeaux, intuì che questi territori fossero particolarmente adatti per realizzare la sua ambizione. Individuò quindi dei terreni sassosi, le famose "sassicaie" appunto, come dimora ideale per vigneti impiantati a Cabernet Sauvignon. Inutile aggiungere che deriva da qui il prestigioso nome del vino Sassicaia, realizzato in gran parte da uve Cabernet Sauvignon e solo per il restante 15% da uve Cabrenet Franc.

La vinificazione di quello che viene universalmente riconosciuto come il padre di tutti i Supertuscan avviene lasciando le bucce a contatto tra loro per circa quindici giorni in tini d´acciaio a temperatura controllata con combinazioni di rimontaggi e delestages, al fine di favorire l´estrazione e la diffusione nel mostovino dei componenti presenti negli acini d´uva. In seguito il vino viene trasferito in cantina all´interno delle preziose barriques di rovere francese dove riposa per due anni. E prima di essere commercializzato perfeziona per sei mesi il suo affinamento in bottiglia.
A questo punto l´eccellenza e il prestigio del Sassicaia sono pronti per far bella mostra sulle tavole più eleganti e raffinate del mondo. Al calice si annuncia vestito di un superbo color rosso rubino intenso, pressoché impenetrabile. Questa compattezza cromatica fa da preambolo a un profumo che appare immediatamente molto complesso e nobile. E infatti al naso emergono eleganti sentori tra i quali spiccano ribes, ciliegie e mirtilli. Oltre a una sinfonia di pepe nero, caffè e rosmarino che completano l´opera. Al palato è seducente e incantevole. Presenta tutte le caratteristiche di un grande vino: piena armonia nel gusto, accanto a una sensualità unica grazie alla dolcezza e alla morbidezza dei tannini. Il finale è persistente e gioca su splendidi richiami di sottobosco e frutta secca Decisamente lunga la persistenza, con uno spessore organolettico di grande importanza, che accanto a un importante corredo polifenolico assicurano a questo vino una straordinaria longevità.

Ma la Tenuta San Guido non è solo Sassicaia. Tutti i vini di questa grande azienda traggono gran parte delle proprie qualità dalla peculiare conformazione morfologica del terreno, unica nel Bolgherese e in Italia. Qui nel corso di molti decenni sono stati impiantati altri vigneti, le cui radici affondano in tre sottozone molto diverse l´una dall´altra, sia per altitudine che per composizione del terreno. Il centro della tenuta ha diversi filari impiantati su uno sperone di sedimenti alluvionali che corre perpendicolare alla costa marina. Le viti beneficiano così della vicinanza del mare, ma al contempo le forti escursioni termiche tra giorno e notte portano a una ottimale maturazione dell´uva. Ogni vigneto di San Guido ha una sua personalità che il sapiente lavoro degli enologi riesce a trasferire in ogni singola bottiglia che esce dalle cantine.

È in questo contesto che si realizzano altri due grandi vini griffati Tenuta San Guido: il Guidalberto e Le Difese. Guidalberto riporta sull´etichetta il disegno dell´inconfondibile oratorio di San Guido ed è una sapiente composizione di Cabernet Sauvignon e Merlot. Si manifesta al calice avvolto in un deciso color rosso rubino. Il naso è complesso: emergono aromi decisi di frutti maturi, ma anche impronte balsamiche e speziate. In bocca è sensuale e aristocratico, di grande struttura e complessità. Trasmette una straordinaria sensazione setosa. Notevoli i tannini così come la grande persistenza aromatica. Spettacolare se custodito in cantina a invecchiare. Le Difese è invece realizzato da un uvaggio di Cabernet Sauvignon e Sangiovese. Di color rosso rubino limpido e luminoso. Al palato sprigiona aromi intensi di frutta a bacca rossa accanto ad aromi speziati di liquirizia e pepe nero. Ci troviamo di fronte a un vino equilibrato e fresco, molto morbido e dal finale persistente nel suo retrogusto fruttato.

E infine una curiosità che va oltre il mondo del vino: il microclima e il paesaggio unici della Maremma selvaggia ottocentesca sono preservati ancora oggi nei 513 ettari di palude, boschi e pascoli dell´Oasi faunistica di Bolgheri, che fu voluta da Mario Incisa nel 1959.
Situata interamente nel territorio comunale di Castagneto Carducci, l´Oasi è stretta tra le dune di sabbia del mar Tirreno e la macchia mediterranea dell´entroterra. Qui il patrimonio di flora e fauna è decisamente ricco. In particolare gli stagni della palude attirano ogni anno per la sosta invernale e il transito primaverile decine di specie di uccelli, alcuni molto rari, come il Piviere dorato o il Picchio rosso minore. Nella Riserva è facile imbattersi anche in cinghiali, volpi, istrici, daini, caprioli e tartarughe palustri.


Ludovico Paganelli

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account