04 Luglio 2020
Top News

Nel Cuore della Maremma: le eccellenze della Tenuta di Monteverro ispirate ai grandi vini francesi

20-04-2016 - Per Bacco!
Una sconfinata dedizione per i grandi vini, di cui era appassionato collezionista, ha portato l´imprenditore tedesco Georg Weber a fondare nel cuore della Maremma l´azienda vinicola Monteverro (www.monteverro.com) che nel giro di pochissimi anni si è già conquistata un posto tra i più importanti produttori d´eccellenza del nostro Paese.

Ci troviamo in quel di Capalbio, pittoresco borgo medievale in provincia di Grosseto. A pochi chilometri da qui, nella cornice di una piccola frazione chiamata Carige, si estendono dolcemente i 50 ettari di vigneti in una zona collinare particolarmente favorevole, circondata da macchia mediterranea e oliveti secolari che danno vita a 6 diverse etichette: Monteverro, Tinata, Terra di Monteverro, Chardonnay, Verruzzo e Vermentino di Monteverro. Vini unici, raffinati ed eleganti.

Ma come è arrivato dalla Germania in questo angolo di Toscana Georg Weber? Per avere risposta a questa legittima domanda occorre risalire al momento in cui a Losanna un calice di Bordeaux Premier Grand Cru Classé cambiò per sempre la sua vita. Assaporando in compagnia di un amico quel vino tanto celebre quanto straordinario, capì che quello era il suo mondo. Capì che avrebbe dovuto creare lui stesso vini d´eccellenza da proiettare nell´olimpo delle più importanti e riconosciute etichette internazionali. Ebbene, ci riuscì. Dopo tre anni di intense ricerche, analisi dei terreni e valutazioni tecniche che lo portarono a peregrinare tra le campagne di Bordeaux, Napa Valley, Australia e Bolgheri, la scelta definitiva cadde proprio qui, nei pressi di Capalbio nel 2003. Fu infatti definitivamente convinto dalla perfetta sinergia tra composizione minerale dei terreni, microclima, esposizione, escursione termica e influenza di venti e correnti provenienti dal mare dell´Argentario.

Nacque così Monteverro, una bellissima tenuta incastonata come una perla tra le dolci colline maremmane nel pieno rispetto della natura e dell´ambiente circostante. Vigne coltivate e curate come preziosi giardini: prevalgono ovviamente quelle uve indispensabili per realizzare il cosiddetto taglio bordolese, e quindi Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot e Petit Verdot. Ma non mancano Syrah e Grenache.

L´esaltante missione di Georg Weber e di tutto lo staff della Tenuta Monteverro è di creare vini di gran pregio, con l´obiettivo di creare un Premier Grand Cru di Toscana. La qualità viene ricercata in modo assiduo e costante, attraverso un duro lavoro svolto da tutti i collaboratori con passione e dedizione oltre che da un´ineccepibile cura anche per i più piccoli dettagli. È così che nascono etichette straordinarie, grazie anche alla vendemmia svolta unicamente a mano. In cantina vengono utilizzate tecnologie all´avanguardia e procedure altamente rispettose dell´uva. Tutto questo determina un´unicità e un gusto inconfondibile nei vini di Monteverro, che sanno realmente interpretare tutto il terroir maremmano.

Fiore all´occhiello dell´azienda è senza dubbio l´etichetta di punta denominata appunto Monteverro. Ispirato ai grandi Bordeaux francesi, è infatti composto da Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon, Merlot e Petit Verdot. Si presenta elegante al calice e subito incanta lo sguardo grazie a un superbo color rosso rubino intenso dotato di un´incredibile profondità. Al naso appare immediatamente molto complesso e nobile. Presenta un ventaglio olfattivo che racchiude in sé la quintessenza del terroir maremmano: un profluvio di frutti selvatici, rosa, eucalipto e macchia mediterranea. Ma non solo. Una soave sinfonia di pepe nero, caffè e rosmarino completano l´opera. Al palato presenta tutte le caratteristiche di un grande vino: piena armonia nel gusto, accanto a una sensualità unica grazie alla perfezione e alla sensazione di seta che esprimono i tannini. Il finale è di una persistenza che stenta a dissolversi e gioca su splendidi richiami di sottobosco e frutta secca. Lo spessore organolettico di grande importanza che caratterizza il Monteverro, accanto a un importante corredo polifenolico, gli assicurano una straordinaria longevità.

Georg Weber afferma che "un grande vitigno bianco in una terra di rossi importanti può dare risultati sorprendenti". È il caso dell´altra etichetta gioiello griffata Monteverro: lo Chardonnay. Già, Herr Weber ha raccolto e vinto anche questa sfida. Impiantando vigneti di Chardonnay a latitudini un po´ inconsuete e in un territorio non particolarmente vocato alla produzione di vini bianchi, è tuttavia riuscito insieme ai suoi preziosi collaboratori a produrre anche questo vino dalle bottiglie numerate.
La vicinanza al mare e le temperature fresche della notte conferiscono a questo vino un carattere inconfondibile che ricorda la finesse di certi Chardonnay della Borgogna. Ma che di certo non ha nulla da invidiare. Si tratta di un vino unico, importante e di carattere.
Affina in barrique di rovere francese per 14 mesi e poi in vasca di cemento a forma di uovo. Si presta senza dubbio a un lungo periodo di invecchiamento. Al calice appare immediatamente corposo, di color giallo dorato intenso e archetti fini. Al naso esprime intensi sentori di papaya, agrumi, erbe aromatiche e mandorle tostate. Riempie il palato con morbidezza, ma non manca freschezza e brillante mineralità. Nel finale imprime lunghi ritorni boisé.




A cura di Ludovico Paganelli

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account