08 Luglio 2020
Top News

I Grandi Vini di Maculan: Vignaioli in Breganze

11-11-2015 - Per Bacco!
Il Veneto è da sempre terra di grandi vini, una tra le regioni italiane che esprimono ogni anno una produzione tanto ampia quanto variegata. I vitigni vengono qui coltivati sia nella zona pianeggiante ricca di corsi d´acqua, sia sulla fascia collinare che si distingue per il terreno fertile e il clima mite.
Premesse, queste, che fanno facilmente immaginare straordinari percorsi enologici tra i più ricchi del panorama nazionale. Ecco quindi la Strada del Torcolato e dei Vini di Breganze: un percorso enoturistico che si sviluppa nella fascia pedemontana vicentina compresa tra le vallate dei fiumi Astico e Brenta, all´interno della zona a Doc Breganze.

Il percorso prende il via dalla cittadina di Thiene, da sempre importante punto di riferimento nello scenario economico-sociale vicentino e ubicata lungo il confine occidentale della Strada. Proseguendo ad est si giunge a Lonedo di Lugo, celebre per le Palladiane Villa Godi Malinverni e Villa Piovene e da cui si scorge una stupenda visuale della pianura vicentina. A pochi chilometri ecco Breganze, cuore dell´omonima Doc, terra di grandi vini e su cui concentreremo la nostra attenzione.
Scendendo poi verso la pianura si incontrano su un colle isolato, la Bastia di Montecchio Precalcino, lodata nei secoli per i suoi vini e tra le grave del fiume Astico la ridente Sandrigo, patria del Baccalà alla Vicentina, il più famoso e tipico piatto vicentino. Dopo aver transitato per Mason Vicentino con i suoi ciliegi, si giunge nella medioevale città di Marostica, cinta da mura merlate che racchiudono la Piazza degli Scacchi. Marostica è infatti nota in tutto il mondo per la celebre partita a scacchi con personaggi in abiti medioevali, in tutti i mesi di settembre ma solo negli anni pari.
Il tracciato si conclude nella millenaria Bassano del Grappa, una delle più belle città della provincia italiana. Il suo simbolo è il celebre Ponte degli Alpini realizzato su disegno del Palladio. La denominazione "del Grappa" si riferisce al Massiccio che sovrasta Bassano, ma allo stesso tempo richiama il celebre distillato, fiore all´occhiello della città.

Breganze. Zona DOC dal 1969, da sempre particolarmente vocata ai vitigni autoctoni, Vespaiolo su tutti. Dalle cui uve si ottengono grandi vini come il Breganze Vespaiolo, il Breganze Vespaiolo Superiore e dopo un´attenta selezione e appassimento delle uve, il Breganze Torcolato.
È da qui che, come accennato poco sopra, vorremmo sviluppare la nostra visita. E per farlo non possiamo che prendere come riferimento una delle aziende più rappresentative e prestigiose di questo fantastico territorio. Stiamo naturalmente parlando dell´Azienda vinicola Maculan (www.maculan.net), che da ben tre generazioni seleziona e vinifica le migliori uve di Breganze, in un contesto incantevole ai piedi dell´Altopiano di Asiago. Grazie a un clima mite che favorisce la coltura della vite, le colline di Breganze offrono un terreno ideale per varietà di uve come Cabernet Sauvignon, Merlot, Chardonnay, Tai e Vespaiolo.

Dal 1947 la Famiglia Maculan realizza con passione ed entusiasmo straordinarie etichette, grazie a uno spirito di sacrificio fuori dal comune che ha portato il fondatore Fausto a svolgere studi approfonditi, oltre a viaggiare nelle migliori zone enologiche di tutto il mondo, sperimentando ardite tecniche che lo aiutarono a portare l´Azienda a livelli altissimi di qualità e di immagine mondiale, tanto da offrire ai propri estimatori una gamma completa di ottimi vini bianchi, importanti vini rossi e deliziosi vini da dessert. Da un sapiente connubio fra tradizione e innovazione tecnologica, nascono quindi eccellenti vini molto apprezzati non solo in Italia, ma anche nel resto del mondo.

Tra questi vi è senza ombra di dubbio il Torcolato DOC Breganze. Realizzato con uve Vespaiola in purezza, i grappoli che danno vita a questo nettare vengono prima sottoposti a un particolare trattamento: la Torcolatura, appunto. Cioé vengono appesi alle travi di un fruttaio e legati l´un l´altro in modo che perdano gran parte della loro acqua e il succo si concentri, così da dar vita a un delizioso vino dolce che prima di raggiungere i calici affina per un anno in barrique di rovere francese. Al primo sguardo, questo gran vino incanta la vista per il suo vivo giallo brillante dorato. Al naso esprime effluvi di albicocca disidratata scorze di agrumi canditi, miele e nocciole tostate. All´assaggio appare dolce e pienamente rispondente alle accattivanti sensazioni già percepite nei profumi. Eccellente l´equilibrio tra acidità e zuccheri. Favoloso in abbinamento al tipico Asiago Stravecchio, oppure sui formaggi erborinati.

Sempre da uve Vespaiola in purezza, ecco la DOC Breganze Vespaiolo: di color paglierino lucente, cattura il naso con aromi che spaziano dal sambuco alla pesca gialla, imprimendo in aggiunta una scia gessosa. Al palato rilascia una gradevole freschezza accompagnata da una vivida mineralità. Da abbinare ovviamente al baccalà alla vicentina.

Tra i rossi, segnaliamo il Palazzotto Cabernet Sauvignon. Elegantissimo nel suo color rubino fitto fitto, si esalta nei profumi di frutta rossa, china, cacao e folate speziate. All´assaggio risulta pieno, carnoso e rivela una spessa ma ben addomesticata trama tannica. Da provare con il brasato di capriolo.


A cura di Ludovico Paganelli

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account